La mia passione per la fotografia è nata da ragazzino, quando, con "divertito disappunto" da parte di mio padre, iniziai a sequestrargli la Voigtländer Vitoret S e cominciai ad apprendere i rudimenti della fotografia ed a sprerimentare.

La passione progredì anche con la complicità di alcuni amici altrettanto appassionati, tra cui Enrico, con cui condividevamo la passione per fotografia e musica (quando riponevamo le fotocamere si passava agli strumenti ...). Grazie a lui mi introdussi nell’appassionante mondo dello sviluppo e stampa del B/N e delle diapositive, con qualche puntatina nelle elaborazioni di immagini, all’epoca fatte con i ben meno comodi e ben più costosi metodi chimici.

In quel periodo la mia fotocamera fu la Yashica FXD e l'ingranditore un Durst 605 con testa a colori.
Come moltissimi appassionati amatoriali cambiai la destinazione d’uso di casa mia, trasformandola spesso in pseudo laboratorio fotografico, con disappunto, stavolta meno "divertito", dei miei, costretti a lunghe attese fuori dal bagno o all’interdizione del salotto (gabinetto di sviluppo il primo e camera oscura per la stampa il secondo).
Ovviamente fu questione di tempo e l’ultimatum arrivò ...

Data l’impossibilità di seguire dall’inizio alla fine il processo di realizzazione dell'immagine fotografica, qui iniziò un oscuro periodo fatto di compattine prima a pellicola e poi digitale in cui languì per lungo tempo la mia passione fotografica (e in cui mi è sfuggita l'occasione di riprendere come avrei sognato i miei figli allora piccoli).

Alla fine, però, decisi di fare il gran salto e mi affacciai al mondo delle reflex digitali con la Nikon D50. Questa fu la svolta attesa da decenni, poiché, finalmente, tornavo a poter seguire dalla prima all'ultima fase la produzione dell'immagine da stampare e, con le possibilità offerte dal digitale, si aprivano orizzonti che andavano anche al di là delle più sfrenate fantasie fotografiche che avessi mai formulato all'epoca della fotografia chimica.

Anche stavolta le frequentazioni hanno avuto un ruolo determinante nell'evoluzione della mia passione, in particolare la possibilità di conoscere persone preparatissime che mi ha offerto la community Nital, dove ho avuto la fortuna di incontrare anche straordinari professionisti, come Ludovico, al quale devo la gran parte di quanto ho compreso sulla luce.

E siamo ad oggi, dove ... (to be continued)